IRENE HA...

venerdì 31 dicembre 2010

LASCIAMO IL 2010 CHE E' MEGLIO, VA....

I bilanci di fine anno non mi sono mai piaciuti..ma questa fine anno 2011 mi trova in una fase della mia vita che non mi ricordo di avere passato..
Questa fine anno mi trova spenta, svuotata, indebolita, strana, nervosa.. trova esattamente tutto l'opposto di come sono sempre stata.
E qui partono i bilanci, per forza, non posso farne a meno..ma soprattutto : PERCHE' mi trovo in questo stato..????
e viene fuori che quest'anno e' stato pesante sotto tanti aspetti...mi sono ritrovata :
* con delle grosse incomprensioni con delle persone che ritenevo Amiche e che , invece ....(stendiamo un velo pietoso)
* con la presa di coscienza che mia mamma non e' piu' lei.. e come se fosse un'altra persona.... e' come se fosse quasi autistica.. niente la tocca ne nel bene, ne nel male... e nel suo mondo e' chiaro che c'e' solo lei..
* a confronto con la malattia di walter che ci ha reso deboli, fragili, anche se non e' niente di grave ma e' solo una cosa lunga...ma vederlo sofferente, dolorante, mi ha spezzato il cuore...tremendo..
* con altri problemi personali che non sto a sviscerare...lavoro... soldi...
insomma , sono arrivata a fine anno con addosso un sacco di cose negative.
E' vero , pero' , che e' stato un anno positivo per diverse cose:
Il nostro Forum Patch caffe' e' cresciuto; ho fortemente voluto il primo incontro e ora ne seguiranno altri..
Gli Amici , quelli veri, ci sono.. sono davvero come degli Angeli sempre presenti, gentili, al tuo fianco. E sono/siamo fortunati ad averne!!
Ci sono stati delle vacanze bellissime, in francia, ... sono andata a Cervia alla Quilt Italia...
Ma faccio fatica a vedere le cose positive, perche' le negative mi stanno addosso come un mantello, che mi avvolge..una nebbia..
Spero davvero che il 2011 mi ridoni forza, voglia di uscire da questo vortice negativo ..perche' , se e' vero che tutto non si puo' gestire come si vuole, pero' DEVO trovare il modo di VIVERE come voglio e non come vuole il Fato!!
Auguri, a tutti voi.. sperando davvero con il cuore che il 2011 sia migliore.

13 commenti:

aless.erre ha detto...

Leggendo il tuo post mi e' sembrato di rivivere la stanchezza mentale e fisica e sopratutto lo sconforto che avevo io lo scorso anno. Ti ricordi? E chi c'era a dirmi di stare tranquilla che poi passava tutto, che la vita ci pone davanti a dei periodi difficili e dobbiamo riuscire comunque ad andare avanti per ritrovare la serenita'? TU!
Quindi ti diro' una cosa banale ma, con calma e energia le cose andranno meglio.
Baci e BUON ANNO A TUTTI VOI.

maman O ha detto...

Auguri mia cara, vedrai che il prossimo sarà sicuramente migliore!
( Hai lo stesso nome di mia figlia e non ti può andar male nulla!! ) ciao , un abbraccio Ornella

Grazia ha detto...

La penso esattamente come Ornella...preparati ad un anno sicuramente generoso....te lo auguro con tutto il cuore! :)
Grazia

Paola ha detto...

...in un posto nascosto che tutti conoscono ma pochi hanno visto esiste una vecchia....in sudamerica la chiamano "la Loba".....vive in un bosco in attesa di chi si è perduto.E' una cercatrice di ossa.
le cerca setacciando boschi,fiumi,montagne. Quando ha riunito un intero scheletro,quando anche l'ultimo osso è al suo posto,la loba si siede accanto al fuoco e pensa a quale canzone cantare.Quando è sicura comincia il canto ed allora lo scheletro riprende vita,respira.La loba canta così dolcemente che dopo un pò lo scheletro si trasforma in una donna che ride e corre libera verso l'orizzonte.Così,dice la storia,se vi siete un pò perduti,e siete stanchi,allora siete fortunati perchè la loba può mostrarvi qualcosa di voi che ancora non conoscete:qualcosa dell'anima.
Coraggio Anna paola,fermati un attimo,e trova la tua canzone. Io stanne certa ti sarò accanto.
Buo anno

Argery Araya C. ha detto...

Estimada amiga hace dias que no le visitaba , pero en esta fecha no se puede perdonar que las amigas no se saluden , asi es que le deseo un feliz año 2011 lleno de bendiciones.

Cristina ha detto...

Arriva sempre questo momento nella vita...ci capitano cose che non ci aspettiamo e che crediamo di non saper affrontare...e invece giorno dopo giorno andiamo avanti...Alessandra ha ragione tieni duro e guarda solo avanti..quello che è passato lo hai superato..e oggi sei sicuramente più forte....
Buon 2o11
un grande abbraccio
cri

Rita ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Rita ha detto...

Purtroppo la vita spesso non si presenta come quella che vorremmo....
e da Scots ti dico "Quando davanti a te non hai più la strada, inventala".
Buon 2011!!!
Rita :))

marisa ha detto...

Felice anno.

fra ha detto...

conosco la situazione, ogni anno dico spero che sia l'ultimo cosi e poi invece ne segue un altro.
ormai ho capito che i basta un sorriso o un abbraccio di mio marito o di mia figlia, una leccatina dal mio cane e un miagolio del gatto per farmi sentire meglio. I problemi di certo non passano, forse se ne accumulano, non trovi il modo di risolverli, ma credimi, ho imparato a vivere un giorno alla volta, quasi un'ora dopo l'altra, e ogni cosa andata bene, ogni difficoltà superata mi fa credere che quello è un giorno buono e mi fa addormentare con la speranza che anche il giorno dopo possa andare bene allo stesso modo.
ti auguro un'infinità di cose buone e di serenità

Floriana ha detto...

ma... ogni anno si dice :il nuovo anno sarà migliore ,te lo auguro i cuore ,ciaooo

Lorenza ha detto...

Coraggio,sicuramente le cose andranno a posto e tu tornerai ad essere quella di sempre. Vedo che conosci Settimo T., mio marito ci è nato e cresciuto anche se non è originario di lì, ora però non abbiamo più nessuno purtroppo ci andiamo solo al cimitero. Buon anno , ciao

giovanna ha detto...

Ciao,
sei passata dal mio blog, grazie, ho così avuto l'occasione di entrare nel tuo, bellissimo, ho scelto questo post per ringraziarti e per dirti che leggendo questo tuo post mi sono venuti dei brividini lungo la schiena dovuti a cose vissute, alcune non potrò più riviverle i miei genitori purtroppo sono morti da tempo, la malattia, è capitato a mio marito 6 anni fa, un infarto a 47 anni, la perdita del lavoro (suo), problemi economici, varie angosce, poi pian piano si risale, si rivede un pò di serenità, tieni duro, è difficile lo so, tante volte ci si scoraggia, si vede solo nero, ma poi quando meno lo si pensa, una piccola cosa inizia a darti una nuova carica, ci si aggrappa e si risale, con fatica, ma lo si fa. un abbraccio